Le scuole

Scuola Polo Formazione

Registro elettronico

Calendario

News dalle reti

Archivio del sito Ragazzi del Fiume

A SCUOLA,IN CLASSE QUINTA, SONO VENUTI I CARABINIERI!

Nella scuola primaria di Moimacco, in classe quinta, sono venuti i Carabinieri!
Che strana sensazione!
La loro presenza ha suscitato un poco di timore, infatti tutti stavano in silenzio.
Sono stati invitati dalle nostre maestre per parlarci di un argomento molto interessante: il bullismo.
Sicuramente tutti noi qualche volta ne abbiamo sentito parlare dai grandi o dal telegiornale.
Il bullismo è quel fenomeno per il quale una persona più forte, o meglio che si crede il più forte, indossa i panni del bullo e umilia una persona, forse ritenuta più debole o più buona, o meglio ritenuta a volte “diversa”, la vittima.
I carabinieri, due marescialli, ci hanno insegnato che esistono tre forme di bullismo:
-il bullismo diretto quando il bullo insulta, minaccia o addirittura fa violenza fisica alla sua vittima.
-Il bullismo indiretto quando vengono compiute azioni indirette sulla vittima per isolarla o umiliarla e farla sentire inutile per ogni cosa.
-Il cyberbullismo quando si sviluppa utilizzando i mezzi informatici e i social network.
Ci hanno inoltre spiegato che il bullo è molto spesso una persona con difficoltà di relazione, perciò prendendo di mira i più deboli o persone “diverse” da lui, vuole solamente attirare l’attenzione.
Quindi possiamo dire che c’è una certa similitudine tra vittima e bullo.
Il fenomeno del bullismo deve essere combattuto fino a determinare la sua scomparsa. Ci riteniamo fortunati perché nella nostra piccola realtà scolastica a tutt’oggi non ci sono stati atti di bullismo, e di certo se ce ne fossimo accorti avremmo denunciato l’accaduto alle maestre o ai nostri genitori.
A cura di Vittoria classe 5^ A