Le scuole

Scuola Polo Formazione

Registro elettronico

Calendario

News dalle reti

Archivio del sito Ragazzi del Fiume

E NOI, DOVE SIAMO?

DSCN0884-92x92I ragazzi della IIIA per la promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
 Un articolo a cura della redazione giornalistica RDF della scuola secondaria di primo grado di Premariacco. Giornalisti Rebecca R. e Gianluca L. classe IIIA. 
Noi, classe 3^A della scuola secondaria di 1° grado di Premariacco “Ippolito Nievo” ,abbiamo partecipato all’evento della “Settimana per la promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”,
arrivata quest’anno alla sua decima edizione, come occasione di promozione di una cultura a favore dell’infanzia ed opportunità di un reale esercizio dei diritti da parte dei bambini, dei ragazzi e dei giovani del nostro territorio, di testimonianza e raccolta di esperienze personali e significative. All’iniziativa hanno partecipato bambini e ragazzi del territorio del Cividalese, con la collaborazione dei diversi gruppi e associazioni giovanili, tra cui associazione Krocus e la Spakin Pieris.
L’evento del 20 novembre, che aveva come tema i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, in particolare quelli della cittadinanza attiva e il diritto di esprimersi, è stato realizzato soprattutto grazie alla partecipazione delle scuole, protagoniste con momenti di libera espressione di sé.
Noi, con la guida della nostra professoressa di lettere, Antonella Negrisolo, abbiamo realizzato un video-progetto incentrato sui nostri diritti di cittadini attivi. Il nome del progetto da noi elaborato è “E noi, dove siamo?”: si tratta di un breve video attraverso cui abbiamo condiviso le esperienze che ci permettono quotidianamente di esercitare il nostro diritto di essere giovani attivi e creativi. Sport, scuola, amicizia, musica, gioco, famiglia: ecco dove noi giovani di Premariacco possiamo sentirci noi stessi, senza dimenticare che un diritto è tale solo se è un diritto di tutti e che in molte parti del mondo, come in Pakistan, questi diritti sono negati e solo con il sacrificio di giovani coraggiosi, come Malala Yousafzai, i ragazzi della nostra età possono sperare in un futuro migliore.
If comments are closed.